Home Senza categoria Armenia, AramMp3 non è solo…

Armenia, AramMp3 non è solo…

0
SHARE
… E non è solo, perché ci siamo, idealmente, tutti noi con lui, seguendo il ritmo dei tamburi e il suono del violino della sua canzone.

Aram Sargsyan, meglio conosciuto come AramMp3, che era stato scelto dalla televisione armena a capodanno per rappresentare il Paese all’Eurovision Song Contest di quest’anno a Copenaghen, ha presentato oggi, in uno spettacolo televisivo ben organizzato, la sua canzone, Not Alone.

Riascoltiamola fino ad impararla a memoria:

La serata, prima della presentazione della canzone, è stata piacevolmente riempita con le esibizioni di quasi tutti i rappresentanti armeni all’Eurovision dal 2006, anno del debutto, al 2013.
In apertura della serata Gor Suyan (2013), da solo su un palco riempito di fumo, ha cantato la proposta armena dell’anno scorso, Lonely Planet.
Dopo, è stato proiettato un video di presentazione di AramMp3, visto come cantante, persona e comico. Bellissima la presa in giro dell’annuncio dei voti armeni dell’anno scorso, dove si vede Aram al posto di Andre, che annuncia però i voti per l’Italia, con lo sfondo della fontana di Trevi, e mentre sta parlando, gli sbuca davanti un altro attore che imita Andre, che comincia a cantare a gola spiegata Without your love, come ha cantato il vero Andre, prima di annunciare i voti armeni del 2013.
E finalmente introducono AramMp3 dal vivo, che si presenta con un vestito classico, ma con un accostamento di colori originale, sicuramente espressione del personaggio che rappresenta.
Abbiamo poi potuto ascoltare Hayko (2007 – Everytime you need), che ci ha proposto un’altra sua canzone, Take me back. E poi Emmy (2011 – Boom boom), che ha cantato una sua ballad in armeno, accompagnata dal pianoforte, che ha messo in risalto la sua bella voce.
Poi, il messaggio che Emmelie De Forest ha registrato invitando l’Armenia a partecipare all’Eurovision Song Contest del 2014 ha introdotto un video di AramMp3 che rifaceva Only Teardrops, sostituendo i tamburi e il flauto che abbiamo sentito a Malmoe con sonorità molto più vicine alla musica tradizionale armena. Durante questa esibizione, si vedeva una sovraimpressione che ricordava quella utilizzata dall’EBU per l’ESC, ma con un gioco di parole tra “Denmark” e “Armenia”.
Insomma, AramMp3 sembra un cantante che punta sull’autoironia. Questo è sicuramente un buon biglietto da visita per Copenaghen.
Si sono poi esibiti Sirusho (2008 – Qele qele) prima e Andre (2006 – Without your love) poi, con due canzoni in armeno.
Tutti i cantanti che si sono esibiti hanno augurato il miglior risultato ad AramMp3
E, prima del gran finale, Eva Rivas (2010 – Apricot stone), di madrelingua russa, ha cantato Hayastan (Armenija) in russo e armeno.