Home #ESC2016 Sanja Vučić: canto per le donne che hanno paura

Sanja Vučić: canto per le donne che hanno paura

0
SHARE

 

ZAA è il nome del gruppo del quale fa parte. Lei si chiama Sanja Vučić, ed è la rappresentante serba all’Eurovision Song Contest di Stoccolma. Ha scelto di portare in gara un tema importante, di scottante attualità. Abbiamo potuto scambiare due parole con lei: ascoltiamo quello che ha da dirci.
OGAE Italy: Ciao Sanja, piacere di incontrarti! Grazie per avere accettato questa intervista, e congratulazioni per essere stata scelta come rappresentante serba all’Eurovision Song Contest! Tu, la frontwoman del gruppo ZAA, sei stata scelta internamente per rappresentare il tuo Paese. Qual è stata la tua prima reazione quando ti hanno chiesto di rappresentare la Serbia? Che cosa vuol dire, per te, cantare per il tuo Paese in questo festival?
Sanja Vučić: Parteciperò all’Eurovision come solista, e gli altri membri del gruppo mi mancheranno tutti. E’ stato fantastico quando ho ricevuto la telefonata di uno dei miei editori che mi ha comunicato l’idea della mia partecipazione, credo che il mio urlo si sia sentito in tutta la casa. E’ un grande onore rappresentare il mio Paese!
OGAE Italy: Gli ZAA vengono definiti una “crossover band”: che cosa significa esattamente? Parlaci del tipo di musica che fai e degli artisti che ti ispirano di più.
Sanja Vučić: Facciamo reggae, crossover, dub, punk eccetera. Gli artisti che mi ispirano di più sono Etta James, Aretha Franklin e Billie Holiday.
OGAE Italy: La tua canzone “Goodbye (Shelter)” verrà eseguita in Inglese. Non è la prima volta per la Serbia, lo ha fatto lo scorso anno Bojana Stamenov. Perché questa scelta?
Sanja Vučić: Ivan Peters, autore della musica e delle parole, ha avuto l’idea, visto che la canzone esprime un’emozione forte, di renderla più intelligibile. Il brano racconta la storia di una donna che viene abusata, ed è importante rendere il messaggio più forte e chiaro, e visto che l’Inglese è una lingua universale, questa era la strada da percorrere.
OGAE Italy: Infatti, la tua canzone è molto drammatica, e parla di una donna che cerca di lasciare un uomo sbagliato, che però non la lascia andare. La canti con molto pathos, immedesimandoti nella protagonista. Sfortunatamente, al giorno d’oggi questo è un argomento molto importante, e molte donne si trovano in questa situazione. Perché pensi che le donne trovino così difficile liberarsi di un uomo che causa loro tanto male?
Sanja Vučić: Penso che abbiano paura, e che probabilmente credano che non esista una via d’uscita. Quello di cui hanno bisogno è tanto coraggio per intraprendere il cammino verso la loro libertà.
OGAE Italy: L’Eurovision Song Contest è nato, letteralmente, per costruire ponti fra i vari Paesi e le varie culture. Purtroppo, ogni giorno ci basta ascoltare le notizie per scoprire che ci sono tante, troppe guerre nel mondo. Una semplice cosa quotidiana come una canzone può veramente significare qualcosa e aiutarci a capirci meglio?
Sanja Vučić: Sì, sicuramente sì. Lo scopo della musica è mettere le persone in collegamento fra di loro, per aiutarle a volersi bene e a capirsi di più.
OGAE Italy: Ti stai preparando per Stoccolma: manca meno di un mese. Sei emozionata? Come immagini il posto, l’atmosfera, la gente, tutto?
Sanja Vučić: Sì, sono molto emozionata. Non vedo l’ora di partire, di arrivare a Stoccolma e di conoscere tutta quella gente da tutta Europa!
OGAE Italy: Hai già dei piani per la tua carriera dopo l’Eurovision? Con gli ZAA hai già registrato un album chiamato “What about”: forse è tempo di inciderne un altro? Andrai in tour?
Sanja Vučić: Ancora non ci sono progetti precisi, ma quello che è certo è che continuerò a fare musica insieme al mio gruppo ZAA. Al momento, questo è tutto quello che so dire.
OGAE Italy: Attualmente frequenti la Facoltà di Filologia, Dipartimento di Lingua e Letteratura Araba, a Belgrado. Studiare e seguire la carriera musicale allo stesso tempo: come fai?
Sanja Vučić: Ho un solo segreto, quello di portare energia positiva a ogni passo che faccio. Solo questo mi aiuta e mi dà la carica per andare avanti.
OGAE Italy: I fans italiani hanno notato una somiglianza fra te e la nostra rappresentante del 2012, Nina Zilli. La conosci? Hai mai ascoltato la sua musica?
Sanja Vučić: Sì, come fan dell’Eurovision so chi è Nina Zilli. Voce meravigliosa, e la sua canzone “Out of love” è molto orecchiabile, mi fa ballare.
OGAE Italy: A proposito: in generale, ascolti musica italiana? Ci sono artisti che ti piacciono particolarmente, hai qualche canzone preferita?
Sanja Vučić: Un nome su tutti: Andrea Bocelli.
Grazie, Sanja, per la tua gentilezza nel rispondere alle nostre domande. Ti auguriamo buona fortuna, e speriamo di incontrarti a Stoccolma!
Vogliamo anche ringraziare Natalija Marjanovic che ha reso possibile questa intervista.