Home #ESC2013 Marco Mengoni “Atlantico” e latino: nuovo album fra pop e musica etnica

Marco Mengoni “Atlantico” e latino: nuovo album fra pop e musica etnica

0
SHARE

I fans impazziranno per scegliere la loro preferita, oppure le acquisteranno tutte: “Atlantico”, il nuovo album di Marco Mengoni, è, infatti, uscito ieri in versione standard, in doppio vinile, e in ben cinque versioni deluxe, ciascuna con una copertina e un sottotitolo diversi: “Attraverso la gente”, “Filtro di coscienza”, “Immersione emotiva”, “Oceano di esperienza” e “Piano unico”.

Scegliete pure quella che volete: ciò che conta e che, in questo album, il nostro Marco ha mosso un ulteriore passo verso la propria maturità musicale, integrando il suo solito pop da classifica con tematiche e suoni decisamente latini, che ci accompagnano verso il Sud America o il Portogallo. Del resto, la sperimentazione non ha mai spaventato Marco: basta rispolverare il suo “Solo 2.0” per rendersi conto di quanto il suo talento musicale vada oltre le facili canzoni da classifica, e riesca ad esprimersi pienamente quando trova il giusto spazio per muoversi.

Per questo suo nuovo lavoro, Marco si è avvalso di innumerevoli collaborazioni. Per quanto riguarda gli autori, sono da segnalare Mahmood (“Hola (I say)”, “Mille lire” e “Rivoluzione”), Tony Maiello e Piero Romitelli (“Muhammad Ali”). Takagi e Ketra hanno collaborato in “Mille lire”, mentre in “La casa azul” c’è un cameo di Adriano Celentano. Tom Walker canta in “Hola (I say)”, e Vanessa Da Mata e Selton in “Amalia”. Ne risulta un mosaico affascinante, che la voce di Marco, sempre più straordinaria, compone tessera dopo tessera.

Tre brani rappresentano omaggi a grandi personalità: i già citati “Muhammad Ali” e “Amalia” (ovviamente Rodrigues), e lo straordinario “La casa azul”, delicata e incisiva descrizione del mondo di Frida Kahlo, forse il momento più alto di tutto l’album.

Possiamo quindi dire che i due singoli che lo hanno preceduto, “Voglio” e “Buona vita”, hanno mantenuto le loro promesse. Ci aspettiamo di vederlo schizzare in cima alle classifiche. Per ora riascoltiamo “Buona vita”, e facciamone un augurio per tutti!