Home #ESC2019 Eurovision 2019: terzo giorno di prove

Eurovision 2019: terzo giorno di prove

0
SHARE

Dopo la tregua firmata fra palestinesi e israeliani, e un grande sospiro di sollievo da parte di tutte le persone accreditate a Tel Aviv per l’Eurovision, continuano le prove quotidiane.

Oggi 9 concorrenti in gara nella seconda semifinale si sono avvicendati sul palco per provare la coreografia, i costumi, le luci e tutto quello che riguarda la performance definitiva.

Cliccando sul nome o sull’immagine di ogni paese potete vedere un minuto circa delle prove di ciascun artista.

ARMENIA: la prima a salire sul palco è l’armena Srbuk. A differenza del video la cantante è sola tutta vestita di nero con i consueti stivaloni alti che quest’anno vanno tanto di moda fra le cantanti. Sullo sfondo immagini di persone nella penombra piuttosto scure che non rendono giustizia alla canzone e rendono il tutto molto cupo.

IRLANDA: esattamente l’opposto invece lo scenario irlandese con la bella Sarah che s’incontra con due amiche al bar in un turbinio di colori, immagini tipo fumetto e cuori che girano. E il bancone del bar c’è veramente sul palco! L’unica assente però è la voce della cantante che indossa un vestito rosso piuttosto sexy.

LETTONIA: con i Carousel ci immergiamo nelle atmosfere country. La cantante è attorniata dal resto del gruppo con chitarra, contrabbasso e batteria. Molto d’effetto lo sfondo con luci, stelle e Luna per un effetto sognante. Ottima la performance vocale di Sabine vestita di bianco e con un cappello nero.

SVIZZERA: e arriva lo svizzero Luca con i suoi ballerini e i suoi coristi per provare una delle performance più attese. Come prevedibile il cantante si esibisce in un ballo sfrenato molto ben coreografato e d’impatto. Luca indossa uno smanicato nero con relativa tuta, che si spera non sia l’outfit per l’esibizione definitiva, mentre i quattro accompagnatori sono in rosso. Sullo sfondo luci e disegni che esaltano il ritmo della canzone. L’esibizione vocale è da migliorare.

MOLDAVIA: i disegni con la sabbia sono la particolarità dell’esibizione di Anna che vestita da sposa fa una performance pulita e decisa. I disegni sullo sfondo raccontano un po’ la storia della canzone e il tutto funziona piuttosto bene soprattutto a livello visivo.

ROMANIA: imponente l’esibizione della rumena Ester. Immagini epiche fra templi, fuochi e fiamme coadiuvate da due sexy ballerini, un chitarrista e due coriste. La cantante si muove molto bene e recita la parte in abito nero e una vistosa collana.

DANIMARCA: la danese Leonora si è portata sul palco l’enorme sedia usata anche alla selezione nazionale. Vestita con camicia bianca e pantaloni neri interpreta in modo preciso la sua canzone con le sue due coriste e i suoi due ballerini che sul finale la raggiungono sulla sedia gigante. Sullo sfondo immagini solari e colorate.

AUSTRIA: atmosfera soft per la turchina Paenda. Tutto in total black, abito, palco e sfondo, per un’esibizione intima ed eterea. La cantante riesce a dosare bene la voce nelle parti più difficili della canzone.

SVEZIA: chiude la giornata lo svedese John, un altro attesissimo concorrente. Nessun dubbio sulla resa vocale del cantante di nero vestito e delle sue quattro coriste gospel con i loro abiti nero e argento. Sul palco l’enorme lampada marrone già vista al Melodifestivalen che completa il cerchio perfetto.

Ed anche per oggi è tutto. Domani scenderanno in campo i due più quotati per la vittoria finale: il russo Sergey Lazarev e l’olandese Duncan Laurence.