Home #ESC2019 San Marino e l’inclusione: il vero spirito dell’Eurovision

San Marino e l’inclusione: il vero spirito dell’Eurovision

0
SHARE

Inclusione, collaborazione, amicizia, vivere tutti insieme: non solo persone di Paesi diversi, lingue diverse, religioni diverse, ma anche di abilità diverse. Quest’anno, in particolare, l’Eurovision Song Contest mette l’accento sulle persone portatrici di handicap e sull’inesistente diversità fra loro e le cosiddette “persone normali”.

Come vi abbiamo già annunciato in un precedente articolo, durante la seconda semifinale del 16 Maggio il gruppo Shalva, formato da artisti portatori di handicap, canterà la canzone “Million dreams”, in tema con il motto “Dare to dream”. Shalva è l’Associazione Israeliana per la Cura e l’Inclusione delle Persone con Disabilità. Fondata nel 1990, si adopera per aiutare le persone disabili e le loro famiglie.

Cosa c’entra San Marino con tutto questo? E’ presto detto. Quest’anno, nella giuria sammarinese, abbiamo il nome di Elia Gasperoni. Elia è DJ nella trasmissione “Radiotuttti” di Radio San Marino, è esperto di musica, amante del rap e dell’hip hop. Il fatto di avere la Sindrome di Down non gli impedisce tutto questo, né di essere una persona positiva e ricca di gioia di vivere.

Siamo pienamente convinti che Elia sia uno dei migliori giurati che San Marino potesse scegliere, e auguriamo a lui e ai suoi colleghi buon lavoro… e magari qualche punto per l’Italia? Scherziamo, piena libertà di voto per tutti!