Home #ESC2019 Conferenza stampa, Mahmood: parlo solo di musica

Conferenza stampa, Mahmood: parlo solo di musica

0
SHARE

Si è da poco conclusa la conferenza stampa del nostro Mahmood, successiva alla seconda prova sul palco dell’Expo Arena di Tel Aviv, le cui impressioni sono state molto positive da parte di addetti ai lavori e sala stampa.

La conferenza post prova è stata piuttosto affollata, molti infatti i giornalisti italiani presenti e interessati all’evento, il nostro Mahmood e la sua delegazione, capeggiata da Nicola Caligiore, hanno risposto prontamente alle domande poste, a cui è poi seguita l’estrazione del fatidico plico contenente il verdetto relativo a chi dovrà esibirsi nella prima parte dello show finale di sabato e chi invece nella seconda, ed il nostro Mahmood (come potete vedere in foto di copertina e nel video a fondo articolo) ha estratto “2nd half”, si esibirà quindi con un “pettorale” che andrà dal 14 al 26 (lo scorso anno Ermal e Fabrizio cantarono per ultimi ad esempio), la posizione esatta verrà decisa però solo venerdì notte, ma di certo cantare nella seconda parte generalmente offre un piccolo vantaggio a livello di risultato finale.

Ma cosa si è detto in conferenza stampa?

Mahmood innanzitutto ci ha tenuto a chiarire riguardo la sua cristianità e che la frase “Beve champagne sotto il Ramadan” presente nel testo di “Soldi” non ha nulla di religioso, ma è solo una metafora per simboleggiare il predicare bene ed il razzolare male, ed è valido per chiunque; ha voluto inoltre ribadire di essere e sentirsi italiano al 100%, e sfatare così una volta per tutte le polemiche, specie nazionalistiche, relative alle sue origini;

Infine è stato chiesto lui del padre egiziano e di quale è, in luce di ciò, la sua posizione rispetto ad Israele (riguardo il famoso quanto triste contrasto tra arabi ed ebrei nel paese), Mahmood attraverso anche il suo entourage lì presente ha ribadito che lui non parla di politica, ma solo e unicamente di musica, mettendo al centro di tutto ciò che l’Eurovision Song Contest deve essere per tutti, una festa di musica, colori e culture che s’incontrano sempre amichevolmente.

Per restare sempre aggiornato su curiosità, interviste e novità direttamente da quel di Tel Aviv non perderti i prossimi articoli di Ogae Italy.

Di seguito il video di Mahmood che estrae il plico: