Chi si vede: Kurt Calleja in “dolce” compagnia! Chiacchierata con il rappresentante di Malta

0
155

Oggi vi proponiamo una breve intervista con Kurt Calleja, che rappresenterà Malta a Baku con la sua “This is the night”. Abbiamo aperto con una sua soprendente immagine accanto a una presenza molto “dolce”, il nostro Zucchero “Sugar” Fornaciari. Non c’è però da stupirsi: i legami musicali fra l’Italia e Malta sono più stretti di quanto possiamo pensare.

Sentiamo cosa ha da dirci il simpatico e bravo Kurt!

D: Ciao Kurt, grazie per la tua disponibilità nel rispondere alle nostre domande e congratulazioni per la tua vittoria alla finale nazionale maltese! Abbiamo l’impressione che il tuo Paese abbia una vera e propria passione per l’ESC, puoi dirci qualcosa al riguardo?

R: Vi ringrazio molto per l’interesse che avete per noi. In effetti, a Malta uno degli eventi annualmente più seguiti è proprio l’Eurovision Song Contest (e ovviamente la preselezione maltese). Anch’io, da bambino, con la mia famiglia e i miei amici, ordinavo una pizza o un takeaway cinese e passavo la serata a casa davanti allo show. E’ un argomento di cui tutta Malta parla almeno per una o due settimane anche una volta finito, quindi per qualsiasi artista è meraviglioso essere sul palcoscenico, perché ti dà una grande popolarità.

D: Oltre a essere un cantante sei anche un presentatore televisivo. Quale delle due attività ami di più, e perché?

R: Non è una scelta facile. Mi piace la TV. Mi piace essere parte di un qualcosa che può provocare un cambiamento, e questo è la TV. Cantare è la mia passione, mi rilassa, mi fa sentire che posso parlare di qualsiasi cosa voglia e anche, spero, ispirare altre persone a fare del loro meglio e/o divertirsi nel farlo. Inoltre, la musica mi ha fatto conoscere tante persone e luoghi interessanti ai quali sicuramente non sarei mai arrivato senza di lei. Ma credo che lo stesso valga per la TV. Non so, non riesco a decidere.

D: Hai vissuto un anno a Londra e hai lavorato in vari club. Cosa puoi dire che ti abbia portato quella esperienza? E’ stata positiva, piacevole, difficile?

R: Sicuramente difficile, non solo adattarsi, ma anche sistemarsi e ottenere un guadagno abbastanza alto da condurre un tenore di vita medio. Questa sfida costante ha lasciato dentro di me un sentimento molto positivo di determinazione, che è stato la parte migliore di questa esperienza. Quando ci ripenso mi sento del tutto orgoglioso di me stesso per come mi sono comportato, e non vedo l’ora di tornarci una volta che l’ESC sarà finito.

D: Hai seguito l’ESC negli scorsi anni? Sei un fan di questo evento?

R: Non posso dire di essere un fan, ma aspetto con gioia la serata e mi riunisco con gli amici. Ma di solito ascolto per la prima volta la maggior parte delle canzoni la sera stessa, il che è fantastico perché in questo modo mi godo l’evento nel modo tradizionale.

D: Hai ascoltato qualcuno degli altri partecipanti? Chi sono i tuoi preferiti?

R: Ne ho ascoltati alcuni, amo molto la canzone danese e anche quella tedesca.

D: L’ultima domanda è sulla musica italiana: la ascolti? Hai degli artisti preferiti?

R: I miei artisti italiani preferiti sono Laura Pausini, Zucchero (che ho conosciuto e al quale ho fatto da supporter per un suo concerto a Malta), Tiziano Ferro, Andrea Bocelli ed Elisa, mi piacciono molto tutti.

Ringraziamo Kurt Calleja per la sua disponibilità e simpatia, e l’addetto stampa Daniel Danastasi per aver reso possibile questa intervista. Buona fortuna, Malta!