Niente estrazione del running order all’ESC: e la maledizione del numero due?

0
18

Rivoluzione in vista nelle regole riguardanti il prossimo ESC che si svolgerà a Malmö nel Maggio 2013. Il Gruppo di Riferimento ha deciso che non ci sarà, quest’anno, l’estrazione del “Running order”, cioè l’ordine di esibizione ciascun Paese in gara, ma saranno i produttori dello show a deciderlo, tenendo conto dei vari brani che verranno presentati. Tale decisione è stata approvata anche dall’EBU.

Ci sarà solo, a fine Gennaio, la tradizionale “Allocation draw”, l’estrazione atta a determinare in quale delle due semifinali si esibirà e/o voterà ciascun Paese, ma l’ordine di uscita, nelle semifinali come nella finale, sarà deciso dai produttori. Solo la posizione del Paese ospitante nella finale sarà estratta a sorte. Inoltre, per agevolare la distribuzione dei biglietti nei Paesi nordici, è stato deciso che la Danimarca parteciperà alla prima semifinale e la Norvegia alla seconda.

Jon Ola Sand, l’Executive Supervisor dell’ESC, spiega così questa decisione: “Vogliamo fare ottima televisione, per gli spettatori ma anche per i partecipanti. Permettere ai produttori di decidere l’ordine di esibizione avrà come risultato spettacoli televisivi più curati e darà la possibilità a ogni partecipante di spiccare, invece di essere circondato da esibizioni simili per stile o ritmo”.

Malgrado tale posizione non sia priva di senso e fondamento, certamente molti fans si sentiranno privati di un importante momento di gara oltre che di spettacolo. Resta poi da capire come si porranno i produttori rispetto alla famosa “Maledizione del numero due”, quella, cioè, che vuole che nessun Paese esibitosi per secondo, ne’ nelle semifinali ne’ nella finale, abbia mai vinto l’ESC. Se una maledizione del genere era già difficile da accettare se arrivava dal destino, figurarsi se dovrà arrivare da una decisione incontestabile!

Insomma, rischiamo di non vedere più immagini simpatiche come questa, che ritrae Noa e Mira Awad alla conferenza stampa successiva alla prima semifinale a Mosca nel 2009.