San Marino e l’ordine di esibizione: il cambiamento non è negativo

0
20

San Marino, la nostra seconda nazione eurovisiva preferita, è una delle prime a commentare la decisione del comitato organizzatore di eliminare l’estrazione dell’ordine di esibizione all’ESC 2012 a favore di una scaletta pensata e costruita. Lo fa, ovviamente, nella persona del suo Capo Delegazione Alessandro Capicchioni, che ne ha parlato con il sito esctoday.com.

“E’ una decisione coraggiosa,” ha dichiarato Capicchioni, “che è stata presa sicuramente nell’ottica della bellezza e del successo dello spettacolo. Di nuovo, il Melodifestivalen fa da modello, così come il Festival di Sanremo lo è stato negli anni 50. L’emittente ospitante ha molto potere.”

“Questo non deciderà il vincitore, perché la canzone migliore vincerà a prescindere dalla posizione, ma potrebbe condizionare i risultati di chi canta in posizione centrale. Se, ad esempio, San Marino ha lo stesso tipo di canzone di Cipro, sulla base di quali elementi la commissione dovrebbe decidere che noi dovremmo cantare dopo la pausa e Cipro no, che la Grecia dovrebbe cantare per tredicesima e la Romania per diciassettesima o per ventunesima? E, non meno importante: un artista famoso ovviamente attira più attenzione di uno sconosciuto, e gli organizzatori potrebbero volerlo mettere nelle ultime posizioni per aggiungere suspence allo show. In questo i piccoli Paesi sono in svantaggio, perché normalmente non hanno artisti presenti nelle classifiche europee. Come puoi battere i Blue, Humperdinck, la Kaas o Anouk in termini di fama se non sei l’Inghilterra, la Francia o l’Olanda? Comunque, ripeto, è una decisione coraggiosa.”

Il dibattito fra i puristi, che vedono come il fumo negli occhi la decisione di rinunciare al sorteggio, e i possibilisti come Alessandro Capicchioni, è più che mai aperto, e forse solo a ESC terminato potremo veramente renderci conto delle conseguenze e delle implicazioni di questa nuova regola. Per ora, da parte di San Marino aspettiamo la scelta del cantante e della canzone. Nel frattempo riascoltiamoci la partecipazione di Senit con la sua “Stand by”.