World Peace Song Festival 2012: c’è bisogno di pace

0
124

E’ al via l’edizione 2012 del World Peace Song Festival, il concorso organizzato dal fondatore di OGAE Italy Federico Stufi e dall’ex presidente Alessandro Banti, con la collaborazione di Riccardo Pasquini, recentemente nominato Responsabile dei Concorsi. Come noto, non si tratta di un concorso ufficiale OGAE, ma di un’iniziativa indipendente che continua a riscuotere un ottimo successo tra i fans, per la qualità che contraddistingue i brani proposti, ma soprattutto per il significato fondamentale della manifestazione che, sebbene in modo “virtuale”, vuole costituire un invito a superare diversità e incomprensioni per mezzo della musica leggera, elemento fondamentale e onnipresente nella nostra vita quotidiana.

Le canzoni partecipanti al concorso vengono scelte rigorosamente fra quelle incise nella lingua ufficiale della nazione che rappresentano, a sottolineare il concetto che l’unione e la comprensione sono ben diverse dalla globalizzazione, ma hanno anzi origine dal preservare la propria identità nazionale facendone dono agli altri in un clima di reciproco scambio.

Gli organizzatori hanno voluto dedicare l’edizione di quest’anno al Palazzo della Pace de L’Aia. Si legge nel messaggio indirizzato ai giurati: “Il Palazzo della Pace a L’Aia è stata costruito nel 1913 con i fondi di una donazione fatta dal celebre magnate e filantropo Andrew Carnegie. È sede di alcune istituzioni giudiziarie internazionali tra cui la Corte Internazionale di Giustizia o Corte Mondiale, la Corte permanente di arbitrato, la famosa Biblioteca del Palazzo della Pace, così come l’Accademia di Diritto Internazionale dell’Aia, che attrae gli studenti di legge provenienti da tutto il mondo. Nei prossimi mesi il Palazzo della Pace celebrerà il suo 100° anniversario ed è diventato l’icona de L’Aia, la Città Internazionale della Pace e della Giustizia.”

22 sono i Paesi che prendono parte a questa edizione, che vede il debutto proprio dei Paesi Bassi, con un brano interpretato da Glennis Grace, nome già noto al pubblico eurovisivo. Altri nomi noti ai fans dell’ESC sono Eva Boto, in gara per la Slovenia, Rosa Lopez per la Spagna, Céline Dion per il Canada e Kevin Borg, in gara nella selezione maltese di quest’anno, proprio per Malta. Non solo ai fans è invece nota “Goodbye kiss” dei Kasabian, che rappresenta il Regno Unito. Qui di seguito la lista dei partecipanti.

01 – GERMANY – Verblasste Bilder – Ute Freudenberg
02 – RUSSIA – Ljudi Ljubjat – Slava
03 – USA – Na Vaqueros – Kuana Torres Kahele
04 – NORWAY – Høster – Gabrielle
05 – WALES – Gypsy Queen – Clinigol & Nia Medi, Rufus Mufasa & Catrin Evans
06 – MOROCCO – Tayr Al Hob – Houda Saad
07 – IRELAND – Our New Horizon – Tara Blaise
08 – NEW ZEALAND – Girl In Stilettos – Annah Mac
09 – ESTONIA – Sel Teel – Sinine feat. Sandra Nurmsalu
10 – NETHERLANDS – Wil Je Niet Nog 1 Nacht – Glennis Grace & Edwin Evers
11 – COLOMBIA – Cómplices Por Traición – Tripulantes
12 – SWEDEN – Händerna mot himlen – Petra Marklund
13 – SLOVENIA – Dvigni mi krila – Eva Boto
14 – ISRAEL – Titen Li Yad – Elai Botner & Yaldei Ha’hutz
15 – BOSNIA & HERZEGOVINA – Kletva – Crvena Jabuka & Zeljko Bebek
16 – SOUTH AFRICA – Vuur met Vuur veg – Rinél Day
17 – ITALY – La differenza tra me e te – Tiziano Ferro
18 – SPAIN – Soy Una Mujer – Rosa Lopez feat. Dj Kun
19 – CANADA – Parler à mon père – Céline Dion
20 – FRANCE – Le sens de la vie – Tal
21 – ENGLAND – Goodbye Kiss – Kasabian
22 – MALTA – Unstoppable – Kevin Borg

I giurati sono già al lavoro e, in attesa dei risultati, noi facciamo il tifo per il nostro Tiziano Ferro!