Addio a Emilio Pericoli, “Uno per tutte”, terzo a Londra nel 1963

0
95

Un altro protagonista della nostra storia eurovisiva ci ha lasciati ieri. Dopo breve malattia si è spento nella sua casa di Gambettola, a 85 anni, Emilio Pericoli, nostro rappresentante nel 1963 con “Uno per tutte”.

La sua carriera di cantante era iniziata nel 1947 con l’orchestra del Maestro Ceragioli, mentre nel 1955 avvenne il suo debutto nel cinema con il film “Il motivo in maschera”, ispirato a un quiz radiofonico di Mike Bongiorno al quale aveva partecipato come concorrente. In seguito partecipò a varie commedie musicali con la compagnia di Isa Barzizza.

Dal 1959 prese l’avvio la sua carriera discografica, che conobbe il suo periodo d’oro durante il sodalizio sanremese con Tony Renis. La loro “Quando quando quando”, nel 1962, fu la vincitrice morale del Festival di Sanremo, mentre l’anno successivo per i due interpreti arrivò la vittoria vera e propria, con “Uno per tutte”.

Proprio questa canzone ha rappresentato la maggior affermazione di Pericoli: fu lui a presentarla all’ESC di Londra lo stesso anno, regalando all’Italia un bellissimo terzo posto, che ancora oggi deve essere annoverato nella rosa dei migliori risultati ottenuti dal nostro Paese nella competizione. Malgrado il suo exploit e le sue precedenti esperienze recitative, Pericoli non figura però nel delizioso musicarello del 1967 che, sebbene porti il titolo di un’altra canzone (“Quando dico che ti amo”), è in pratica la trasposizione cinematografica della storia di “Uno per tutte”. A interpretarlo fu Tony Renis insieme a Enzo Jannacci, Alida Chelli, Lola Falana e Annarita Spinaci.

E’ del 2011 una delle sue ultime apparizioni televisive, nel programma di Carlo Conti “I migliori anni”.
OGAE Italy esprime alla famiglia e agli amici di Emilio Pericoli le proprie più sentite condoglianze.