Michael Bublé vince il WPSF… a occhi chiusi.

0
131

Potremmo definirla una bellissima vittoria scontata: alzi la mano chi di voi, leggendo il nome di Michael Bublé come rappresentante del Canada al World Peace Song Festival, non ha subito capito come sarebbe andata a finire. La voce e il fascino del giovane crooner non risparmiano nessuno, e la sua “Close your eyes” ha scalato la classifica senza la minima difficoltà, aggiudicandosi il primo posto. Un risultato schiacciante, considerando la differenza di ben 34 punti dalla seconda classificata!

Secondo posto per la Svezia con Magnus Carlsson e la sua “Oslagbar”, mentre l’Italia è terza per un soffio, con Chiara Galiazzo e “Due respiri”. Seguono il Galles di Bonnie Tyler e il Marocco di Samira Said. Ex aequo al nono posto per Israele ed USA, come al diciassettesimo per Sud Africa e Francia, mentre il nostro Fabrizio Faniello, con “Ahfirli jekk trid”, manca di poco la top ten classificandosi undicesimo. Fanalino di coda, al ventesimo posto, l’Estonia di Tanel Padar, Ott Lepland e Jalmar Vabama.

Di seguito la classifica completa:

1   – Canada – Michael Bublé – Close your eyes – 131 punti
2   – Svezia – Magnus Carlsson – Oslagbar – 97 punti
3   – Italia – Chiara Galiazzo – Due respiri – 96 punti
4   – Galles – Bonnie Tyler – Mom – 81 punti
5   – Marocco – Samira Said – Mazal – 70 punti
6   – Inghilterra – Robbie Williams – Be a boy – 68 punti
7   – Irlanda – Johnny Logan – Prayin’ – 62 punti
8   – Nuova Zelanda – Benny Tipene – Walking on water – 56 punti
9   – Israele – Dor Daniel – Ha’tzafon ha’yashan – 55 punti
9   – USA – Kelly Clarkson (feat. Vince Gill) – Don’t rush – 55 punti
11 – Malta – Fabrizio Faniello – Ahfirli jekk trid – 49 punti
12 – Colombia – Mojito lite – Si te molesta – 48 punti
13 – Spagna – Melendi – Cheque al portamor – 47 punti
14 – Polonia – Piotr Kupicha – Poczuj to – 46 punti
15 – Norvegia – Helene Bøksle – Svalbard – 44 punti
16 – Costa Rica – Daniel Patiño Quintana (con Fabrizio Walker) – La mitad de lo que soy – 40 punti
17 – Sud Africa – 4Werke – Roete na jou hart – 30 punti
17 – Francia – Florent Pagny – Les murs porteurs – 30 punti
19 – Slovenia – Alenka Godec – Vse je ljubezen – 28 punti
20 – Estonia – Tanel Padar, Ott Lepland & Jalmar Vabama – Jöesäng – 27 punti

Davvero un peccato dover fare una classifica, tutti i pezzi sono interessanti e avrebbero meritato i primi posti. Ma qualcuno deve pur vincere: e quindi, nel ringraziare gli organizzatori e nel darvi appuntamento alla prossima edizione, riascoltiamoci Michael Bublé!