OGAE Italy: nozze d’argento con l’Eurovision Song Contest!

0
91
Successe proprio 25 anni fa, per merito di un ragazzo chiamato Federico Stufi e della sua risposta a un annuncio di un finlandese, Ilari Karhapää, che cercava qualcuno che fosse disposto a fondare un fan club italiano per l’Eurovision Song Contest. Da quell’incontro, dapprima solo epistolare, tra Federico e Ilari, nacque OGAE Italy, e Federico, ovviamente, rivestì da subito il ruolo di presidente. Impossibile risalire con certezza al giorno preciso, ma con tutta probabilità fu davvero il 1 Febbraio di quel 1990, anno che, di lì a poco, portò ai fans italiani una seconda, grandissima sorpresa.

La fondazione di OGAE Italy portò fortuna all’Italia eurovisiva? Chissà. Fatto sta che il 5 maggio dello stesso anno, a Zagabria, Toto Cutugno si portò a casa il trofeo. Fu la migliore partenza per il club italiano, che inizialmente contava poco più di una decina di iscritti, ma era destinato a crescere nel tempo. Federico e gli iscritti al club si buttarono anima e corpo nel progetto di diffusione della cultura eurovisiva in Italia, raccolsero adesioni attraverso annunci sui giornali o programmi radiofonici, fino a organizzare il primo meeting ufficiale del club a Pisa, il 30 aprile del 1994, per seguire l’Eurovision di quell’anno. Pochi anni dopo OGAE Italy svolse addirittura un ruolo attivo nel favorire la partecipazione dei Jalisse, freschi vincitori del Festival di Sanremo, a Dublino, nel 1997, dopo tre anni di assenza della RAI dal concorso.

Anni bui, però, dovevano arrivare: dal 1998, senza un vero motivo né una spiegazione, la RAI tornò a disertare il concorso. Un silenzio durato ben 13 anni, ma che non scoraggiò certo i ragazzi di OGAE Italy, Anzi, paradossalmente, l’assenza dell’Italia dette un nuovo e più forte scopo al club: fare tutto il possibile per riportare in gara il nostro Paese, sensibilizzando sia la RAI che i fans e cercando di fare sentire in ogni modo la propria voce. Intanto, altri presidenti si erano alternati alla guida del club: dopo Federico Stufi nel 1993 fu la volta di Alessandro Banti, che nel 1996 passò la presidenza a Paolo Boccadoro, al quale successe Matteo Aldrovandi nel 2003. Ultima in ordine di tempo, e prima donna fra i presidenti, Cristina Giuntini fu nominata nel novembre 2008, ed è tuttora in carica.

Gli ultimi cinque anni hanno visto enormi cambiamenti e una crescita vertiginosa per quanto riguarda le attività del club. Dalla festa del ventennale, nel 2010, che ha visto la graditissima presenza dei Jalisse, gli incontri in varie località italiane si sono moltiplicati, prevedendo sempre uno o due ospiti eurovisivi. Anche quella prima festa, però, ha portato fortuna, perché pochi mesi dopo, come una bomba, è arrivato il rientro dell’Italia all’Eurovision: lo spettacolare secondo posto di Raphael Gualazzi e le partecipazioni di Nina Zilli, Marco Mengoni ed Emma appartengono ormai alla storia. Il rientro in gara ha permesso anche a OGAE Italy di essere più presente all’interno del mondo eurovisivo, con il lavoro di alcuni membri in sala stampa per curare il sito del club, realizzando articoli e interviste. Nel 2012, OGAE Italy si è registrata come Associazione Culturale senza scopo di lucro, e a Ottobre dello stesso anno si è tenuta l’elezione del primo Direttivo. Attualmente, il club conta 155 iscritti e ospita anche diversi stranieri che si sentono, almeno in parte, italiani nel cuore! E il primo fra di loro è sempre lui: il nostro Ilari, che, insieme a Federico, ha fatto sì che tutto inizasse.  

Il club vanta anche un medagliere di tutto rispetto per quanto riguarda i concorsi interni OGAE: quattro vittorie all’OGAE Song Contest (1990 “Vattene amore”, Amedeo Minghi e Mietta – 1993 “La solitudine”, Laura Pausini – 2005 “Da grande”, Alexia – 2012 “Per sempre”, Nina Zilli), due all’OGAE Video Contest (2006 “Contromano”, Nek – 2012 “E’ l’amore che conta”, Giorgia), una all’OGAE Second Chance Contest (1997 “Storie”, Anna Oxa) e ben sei al Guest Jury Hits (1983 “Sarà quel che sarà”, Tiziana Rivale – 1982 “Storie di tutti i giorni”, Riccardo Fogli – 1981 “Sarà perché di amo”, Ricchi e Poveri – 1980 “Stella stai”, Umberto Tozzi – 1979 “Gloria”, Umberto Tozzi – 1977 “Ti amo”, Umberto Tozzi).

Vale la pena di ricordare anche i numerosi e prestigiosi ospiti che abbiamo avuto l’occasione di accogliere alle nostre feste. Oltre ai Jalisse, in ordine di tempo abbiamo ricevuto Roberto Meloni, Fabrizio Faniello, Tonina Torrielli, Jacopo Massa, Roberto Bellarosa, Valentina Monetta, Maya Sar e, last but not least, Hersi Matmuja, alla quale ci sentiamo particolarmente legati non solo per la grandissima simpatia ed energia che ha saputo portare fra di noi, ma anche perché oggi, insieme a noi, anche lei compie esattamente 25 anni! Auguri, nostra gemella Hersi, da tutti noi!  

Ma non ci fermiamo qui: la prossima festa è prevista per il 25 Aprile nella bella città di Parma: seguiteci per saperne di più su location, ospiti e quant’altro. In quell’occasione festeggeremo come si deve queste splendide nozze d’argento sperando di arrivare a quelle d’oro, di diamante, di platino!

Intanto, oggi è ufficialmente il nostro giorno, e il nostro grazie va a tutti gli iscritti che stanno lavorando insieme a noi per rendere il club sempre più attivo e dinamico, e anche a chi non è iscritto ma ci sostiene e segue con affetto il nostro cammino: quello di un club senza età, senza sesso, senza credo politico, senza colore della pelle, senza nazionalità, senza stato sociale, perché la musica è di tutti, e noi siamo qui a costruire ponti verso l’unione e l’avvenire.
Pronti con lo champagne? Salute a tutti!