Jüri Pootsmann rappresenterà l’Estonia all’Eurovision 2016 di Stoccolma con “Play”, un brano stiloso, scritto con grande maestria da Stig Rästa, che il giovane Juri interpreta con classe.
Jüri, classe 1994, ha iniziato a cantare nel coro locale della sua città. Ha vinto l’edizione 2015 del talent show “Eesti Otsib Superstaari” grazie al quale ha inciso il suo primo EP dal titolo omonimo.
Una finale molto interessante, con dieci pezzi validi ed etreogenei. Ad aprire la serata proprio Stig Rästa ed Elina Born che l’anno scorso hanno raggiunto il settimo posto all’Eurovision di Vienna con la splendida “Goodbye To Yesterday”.
Si succedono le canzoni in gara:
Laura  “Supersonic” – uptempo internazionale
Go Away Bird “Sally” – radiofonica e contemporanea, poco eurovisiva
Mick Pedaja “Seis” – un canto in estone dolcemente misterioso e ipnotico
Grete Paia “Stories Untold” – ballata classica da eurovision
Kéa “Lonely Boy” – pezzo semplice da primo ascolto, troppo ripetitivo
Kati Laev & Noorkuu “Kaugel Sinust” – marcia in estone un po’ datata, ritmo crescente ben sorretto da coro
Cartoon feat. Kristel Aaslaid “Immortality” – un cartone animato accompagna un pezzo internazionale cantato malino
Meisterjaan “Parmupillihullus” – un brano dance quasi narrato, in estone con accompagnamento di strumenti etnici, diverso da tutto il resto
I Wear* Experiment “Patience” – pop rock dal sound internazionale
La giuria di esperti mette primo Jüri Pootsmann seguito da Mick Pedaja, ma sommando i loro voti al televoto arrivano alla Superfinale a 3 Laura, Jüri Pootsmann e i Cartoon feat. Kristel Aaslaid.
Nell’attesa del verdetto un altro duetto di grande successo per l’Estonia Maarja-Liis Ilus & Ivo Linna che nel 1996 arrivarono quinti con la deliziosa “Kaelakee hääl”.
Stavolta decide solo il televoto che proclama vincitore Jüri, seconda Laura e terzi i Cartoon.