Bellissima, bravissima e anche estremamente semplice e simpatica: è Ira Losco, che, a 14 anni dal suo secondo posto a Tallinn con “7th Wonder”, torna a rappresentare la sua Malta all’Eurovision Song Contest di Stoccolma.
Avremmo potuto trascurare di intervistarla? Assolutamente no! Siamo stati, anzi, felicissimi di scambiare quattro chiacchiere con lei, in attesa delle due settimane più intense dell’anno. Eccovi la nostra intervista: conosciamo meglio la splendida Ira!
OGAE Italy: Ciao Ira! Siamo davvero felicissimi di ritrovarti, dopo ben quattordici anni, a rappresentare nuovamente Malta all’Eurovision Song Contest! Abbiamo seguito il Malta Song for Europe facendo il tifo per te sin dall’inizio, e, come pensavamo, eccoti qua! Congratulazioni, e grazie per avere accettato questa nostra intervista. Quattordici anni fra due partecipazioni alla stessa manifestazione non sono certo pochi, e nel frattempo la tua carriera non si è fermata, anzi: sei senza ombra di dubbio la cantante più celebre di Malta, ti sei esibita in più di venti Paesi e vanti innumerevoli collaborazioni internazionali. Non avresti certo avuto bisogno di rimetterti in gioco: perché, quindi, hai accettato di partecipare nuovamente al Malta Song for Europe?
Ira Losco: Quando, nel 2012, ho sentito il brano “Euphoria” di Loreen, mi sono convinta che l’Eurovision Song Contest stava entrando nell’attualità della musica. Avrebbe potuto essere un brano da classifiche internazionali. Poi è venuta l’opportunità di condurre il Malta Song For Europe nel 2014, e molti mi hanno detto che avrebbero voluto vedermi sul palco dell’Eurovision un’altra volta. Ed eccomi qua.
OGAE Italy: Alla tua prima partecipazione all’Eurovision eri una ragazza di grande talento all’inizio della carriera. Adesso sei una vera e propria star. Immaginiamo che starai affrontando questa tuo secondo Eurovision con una consapevolezza del tutto diversa. Quanto è cambiata, e in che cosa, quella ragazzina che cantava “7th wonder” incantando l’Europa?
Ira Losco: Grazie per i complimenti!! Mi state mettendo in imbarazzo 🙂 In questi 14 anni, ho fatto molte esperienze che mi hanno insegnato tanto. Io sono una persona che crede, e che non smette mai di imparare cose. C’e’ sempre qualcuno che incontri nella vita, oppure delle esperienze che ti possono insegnare cose nuove. Ho aperto concerti di star internazionali e collaborato con dei bravissimi artisti, e questo è sempre molto importante per ogni artista.
OGAE Italy: Puoi già da adesso vantare un record: ci risulta che tu sia la prima partecipante maltese all’Eurovision Song Contest a cambiare la propria canzone. In realtà, sappiamo che già da un paio d’anni era stata introdotta questa regola, ma tu sei stata la prima a usufruirne. Come mai hai deciso di rimettere in gioco “Chameleon” mettendola a confronto con altri brani, cosa che ha portato, poi, al cambio di canzone?
Ira Losco: Quando ho vinto la finale nazionale Maltese, mi hanno proposto di lavorare ancora sul brano. e anche di incidere 16 altri brani, per poi inserirli in un processo di selezione, dal quale far uscire il brano che fosse piaciuto alla maggioranza dei giurati. (si trattava di una giuria sia Maltese che internazionale). Hanno scelto “Walk on Water”, un brano che credo abbia un suono molto attuale. Per me tutta questa esperienza si deve tradurre in un solo risultato finale: rendere fiera la mia piccola isola, qualunque sia il risultato in gara.
OGAE Italy: La questione della lingua nella quale presentare il brano, per Malta, è sempre stata un’eccezione, visto che l’Inglese è comunque una delle vostre lingue ufficiali. Probabilmente è stato naturale per te presentare una canzone in Inglese, ma hai mai pensato se fosse il caso di presentarla in Maltese? Oppure, visto che oramai all’Eurovision c’è libertà di lingua… in Italiano?
Ira Losco: Sono molta fiera della mia lingua, siamo un’isola di sole 400,000 persone e abbiamo una nostra lingua. Però nessuno dei 42 altri Paesi che partecipano a questo concorso capisce la lingua Maltese, quindi questo è uno svantaggio. Molti capiscono l’Inglese, e ha senso cantare in una lingua che si capisca, perché il testo è importante quanto la musica.
OGAE Italy: Appunto, parliamo di Italia. Questa intervista si sta svolgendo in Italiano: sappiamo che tu conosci bene la lingua e che hai visitato varie volte il nostro Paese. Qual è la tua relazione con l’Italia? Dal tuo cognome, sembreresti quasi avere origini italiane.
Ira Losco: Il mio cognome non è tanto bello (ride), mi pare significhi un tipo di cui non ci si deve mai fidare. Ovviamente potete definitivamente fidarvi di me!! 🙂 Mi pare sia un cognome catanese. Ho fatto molti spettacoli con artisti Italiani. Ho cantato varie volte con Claudio Baglioni a Malta e a Lampedusa per il concerto “O’Scià”, e poi a Malta e al Teatro Greco di Taormina con Gigi D’Alessio, e ho fatto un mini tour con Max Gazzé. A me piace molto lo spirito Italiano, la vostra musica, e senza dubbio il cibo!!
OGAE Italy: Sono molti gli artisti italiani con i quali ti sei esibita: come dicevamo, Claudio Baglioni, Gigi D’Alessio, Irene Fargo, giusto per nominarne alcuni. Fra gli stranieri mi viene subito in mente Elton John. Fra tutti questi artisti, ce n’è uno che ti ha lasciato un’impressione particolare? E c’è qualcuno con il quale non hai ancora duettato, ma ti auguri che presto succeda?
Ira Losco: Claudio Baglioni rimane un artista che mi piace tantissimo, per il suo suono molto particolare. E’ un uomo affascinante e ha un cuore grandissimo. Irene ha una voce bellissima ed è una bellissima donna. Vorrei tanto incontrare e cantare con Elisa, che mi affascina. Anche P!nk sarebbe un’artista con cui vorrei duettare.
OGAE Italy: Parliamo della tua “Walk on water”. Il testo è molto essenziale, e sembrerebbe parlare della forza che dà il sentimento che si prova per un’altra persona: sento di poter camminare sull’acqua, canti. Che significato ha, per te, questo brano?
Ira Losco: Il brano parla di affrontare e di fare l’impossibile. E’ la storia della vita, no? Ogni giorno è una salita e dobbiamo affrontare delle cose che a volte sembrano troppo difficili. Però noi umani siamo fortissimi e vinciamo sfide continuamente, con la nostra forza interna.
OGAE Italy: Due anni fa sei stata, insieme a Gianluca Bezzina, la presentatrice del Malta Song for Europe. Che sensazione è stata, ritrovarsi “dall’altra parte”, a condurre la serata invece di essere in gara?
Ira Losco; E’ stata un’esperienza nuova, però noi abbiamo svolto la parte meno tecnica e più relativa allo spettacolo. Abbiamo fatto un po’ di varietà, e ci siamo trovati tutti e due a nostro agio nel nostro mondo di spettacolo.
OGAE Italy: Mettiamo che tu vinca l’Eurovision Song Contest, e che Malta quindi debba organizzare la prossima edizione. Mettiamo che ti venga proposta una scelta: presentare la manifestazione oppure tornare in gara per difendere la tua vittoria. Cosa scegli?
Ira Losco: Non so se nelle regole sia scritto che la vincitrice del concorso non possa partecipare l’anno seguente. Se succederà, come spero tanto 🙂 accetterei volentieri di presentare la manifestazione, sì.
OGAE Italy: Infine, c’è qualcosa in particolare che vorresti dire agli amici di OGAE Italy e a tutti gli amici italiani che ci stanno leggendo?
Ira Losco: Ringrazio tutti quelli che mi hanno seguita in questi 14 anni, e che tifano per Malta e mi saranno vicini in quei 3 minuti sul palco. Vi amo tanto e vi mando un grande bacio.
OGAE Italy: Grazie, Ira! Sei stata gentilissima nel rispondere a tutte queste domande. Non vediamo l’ora di ritrovarti a Stoccolma! In bocca al lupo, e forza Malta!
Oltre a Ira Losco, vogliamo ringraziare di cuore Luke Fischer che ha reso possibile questa intervista. Arrivederci a Stoccolma!