Home #ESC2018 Eurovision 2018: l’acuto finale dell’Estonia è per Elina Nechayeva

Eurovision 2018: l’acuto finale dell’Estonia è per Elina Nechayeva

0
SHARE

“Super Sabato Eurovisivo” anche in Estonia che incorona vincitrice e rappresentante del paese baltico il soprano Elina Nechayeva con la sua “La forza“.

La forza“, un brano in stile pop-opera è cantanto incredibilmente in italiano, perché l’italiano è la lingua dell’opera, ed è scritto dalla stessa Elina con Mihkel Mattisen, Timo Vendt e Ksenija Kučukova.

Ecco il testo con la particolarità che sono stati usati titoli e frasi prese dalle varie opere liriche:

Sai, nella notte per me una stella c’é.Lei mi rischiara la via per l’eternità, è mia guida nell’immensità che non mi lascia mai.
La forza del destino volteggiar mi fa; l’ora è vicina di felicità.
È sogno o realtà la nostra affinità sull’ali dell’amore, rosee!
Quando m’en vo per la via sempre libera, vorrei che intorno a noi sia una favola. Nostro amore guida a noi sarà nell’infinito per l’eternità.

 

Al Saku Suurhall di Tallin, dieci canzoni si danno battaglia nell’annuale Eestilaul presentato da Ott Sepp e Meelis Kubo.

Il vincitore viene scelto in due round: nel primo una giuria di esperti internazionali, fra i quali il nostro Nicola Caligiore, e il televoto scelgono 3 canzoni per la superfinale; nel secondo il solo televoto ne decreta il vincitore.

Inizia la gara…

Karl Kristjan & Karl Killing feat. Wareva “Young”: inizio con banjo per questa ballata spensierata cantata da due giovanissimi. Scritte e disegni gialli e azzurri sullo sfondo e in sovraimpressione.

Eliis Pärna & Gerli Padar “Sky”: Eliis inizia davanti ad uno specchio che la riflette e poi magicamente appare Gerli. Il duo ci propone una bella e delicata ballata che sembra uscita da un musical. L’atmosfera è sognante con lo sfondo pieno di stelle luccicanti. Sul finale Gerli si trova da sola davanti allo specchio che ne riflette la sua immagine. Molto suggestivo! Gerli ha già rappresentato l’Estonia nel 2007 con la canzone “Partners in crime“.

Nika “Knock knock”: Nika inizia la sua ballata soul seduta su di una poltrona. Viene poi raggiunta da tre ballerini con la bocca chiusa con il nastro adesivo. Sullo sfondo un paesaggio artico. Il ritornello su di un ritmo tribale è molto contagioso.

Sybil Vane “Thousand words”: Sybil ci propone un brano rock impugnando la sua la chitarra elettrica. Riprese molto veloci e disegni geometrici in sovraimpressione rendono il tutto molto coinvolgente.

Stig Rästa “Home”: il vincitore dell’edizione 2015 in coppia con Elina Born e la canzone “Goodbye to yesterday”, ci riprova con questa bella ballata country. Stig interpreta la sua canzone in modo preciso e diretto supportato dai suoi coristi.

Vajé “Laura (Walk with me)”: ed ecco uno dei favoriti: il duo Vajé. La canzone ha un buon ritmo sostenuto con molte chitarre e percussioni. Il solista interagisce con la fantomatica Laura che si rivela solamente da metà canzone in poi. Molto spazio viene dato alla chitarra in più punti della canzone rendendola ancora più particolare.

Elina Nechayeva “La forza”: ed ora la super favorita per la vittoria finale, ma non solo, è data dai bookmakers internazionali addirittura come la vincitrice dell’Eurovision 2018. Elina canta in italiano questa canzone pop-opera sul genere di Sarah Brightman ed Emma Shapplin. Bellissima, avvolta da luci rosso fuoco ed effetti grafici sul lungo vestito, viene alzata su di un piedestallo per sembrare ancora più alta. La voce di Elina è semplicemente perfetta.

Frankie Animal “(Can’t keep calling) Misty”: il gruppo dei Frankie Animal porta in gara una ballata dal sound molto internazionale, un po’ soul, un po’ blues. La cantante è molto carismatica e misteriosa. Luci soffuse blue fanno il resto.

Iiris & Agosh “Drop a boogie”: la stravagante Iiris inizia a cantare distesa su di un divano rosa. Viene raggiunta da due ballerine vestite da gatte. La canzone è una ballata pop con reminiscenze reggae.

Evestus “Welcome to my world”: finiamo con il gruppo punk Evestus che interpreta una ballata rock metal piuttosto lenta. Fuoco, fumo e due Drag Queens come coriste completano il quadro.

Inizia il televoto e arrivano i primi risultati. Passano alla superfinale:

  • Stig Rästa “Home”
  • Vajé “Laura (Walk with me)”
  • Elina Nechayeva “La forza”

Riparte il televoto che premia Elina Nechayeva!

Fra gli ospiti della serata anche i rappresentanti estoni dello scorso anno Laura e Koit Toome.

Ecco la classifica finale:

  1. Elina Nechayeva “La forza” (Superfinale)
  2. Stig Rästa “Home” (Superfinale)
  3. Vajé “Laura (Walk with me)” (Superfinale)
  4. Sybil Vane “Thousand words” 14 punti
  5. Iiris & Agosh “Drop a boogie” 12 punti
  6. Karl Kristjan & Karl Killing feat. Wareva “Young” 11 punti
  7. Frankie Animal “(Can’t keep calling) Misty” 10 punti
  8. Evestus “Welcome to my world” 7 punti
  9. Nika “Knock knock” 5 punti
  10. Eliis Pärna & Gerli Padar “Sky” 4 punti