Continua la corsa delle città italiane candidatesi per ospitare l’Eurovision Song Contest 2022.

Bologna, Torino, Pesaro, Rimini e Milano sono le finaliste che realmente si giocheranno il ruolo di città ospitante dell’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest.

Dopo un attento sopralluogo la RAI e l’EBU sono arrivate alla conclusione che le cinque città in questione hanno tutte le carte in regola in accordo con le richieste:

  • La città ospitante deve essere servita da un aeroporto che non disti più di 90 minuti dal luogo dove si svolgerà l’evento;
  • La città ospitante deve essere servita da un’efficace linea di trasporti pubblici;
  • La città ospitante deve essere in grado do offrire più di 2000 stanze d’albergo nelle vicinanze del luogo dove si svolgerà l’evento;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere al coperto e dotato di aria condizionata;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve avere una capienza di almeno 8000-10000 spettatori;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve avere un’altezza di almeno 18 metri con buone capacità di carico sul tetto e facile accesso al carico;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere dotato di appositi spazi per un’eventuale Green Room, camerini, sala prove, sala stampa, mensa, uffici, area medica e tutto il necessario per una fluida organizzazione dello show;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere disponibile in esclusiva per 6 settimane prima dell’evento, per le 2 settimane dello show (previsto a maggio 2022) e una settimana dopo la fine dell’evento per il disallestimento;

Nulla da fare quindi per le altre sei città: Acireale, Genova, Palazzolo Acreide, Alessandria, Sanremo e soprattutto Roma che fino ad oggi credevano fortemente nel progetto eurovisivo.

Lunedì 30 Agosto finalmente la RAI in collaborazione con l’EBU prenderà una decisione definitiva. Stay tuned!