Torino ospiterà l’Eurovision Song Contest 2022

E’ stato finalmente confermato dalla RAI e dall’EBU che Torino ospiterà l’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest.

Già qualche giorno prima della vittoria dei Måneskin a Rotterdam preventivamente Torino si era candidata per ospitare lo spettacolo non sportivo più visto al mondo.

Ma le cose si devono fare per bene e questa grande opportunità è stata data a chiunque lo volesse con un classico concorso pubblico.

Diciassette città in gara

Ben diciassette città italiane hanno aderito al bando RAI per ospitare l’Eurovision e dopo una prima scrematura il numero si è ridotto a undici per poi ridursi ulteriormente a cinque.

Valutate attentamente tutte le proposte direttamente in loco, l’EBU e la RAI hanno preso finalmente una decisione e l’Eurovision ha una sede ben precisa.

Il Pala Alpitur sarà la sede eurovisiva

Sarà infatti il Pala Alpitour l’arena nella quale si svolgerà lo spettacolo con i suoi circa tredicimila posti e tutte le carte in regola come dai requisiti EBU:

  • La città ospitante deve essere servita da un aeroporto che non disti più di 90 minuti dal luogo dove si svolgerà l’evento;
  • La città ospitante deve essere servita da un’efficace linea di trasporti pubblici;
  • La città ospitante deve essere in grado do offrire più di 2000 stanze d’albergo nelle vicinanze del luogo dove si svolgerà l’evento;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere al coperto e dotato di aria condizionata;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve avere una capienza di almeno 8000-10000 spettatori;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve avere un’altezza di almeno 18 metri con buone capacità di carico sul tetto e facile accesso al carico;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere dotato di appositi spazi per un’eventuale Green Room, camerini, sala prove, sala stampa, mensa, uffici, area medica e tutto il necessario per una fluida organizzazione dello show;
  • Il luogo dove si svolgerà l’evento deve essere disponibile in esclusiva per 6 settimane prima dell’evento, per le 2 settimane dello show (previsto a maggio 2022) e una settimana dopo la fine dell’evento per il disallestimento;
La Sindaca di Torino Chiara Appendino: ci ha creduto fin dal primo momento

Ovviamente la città ospitante dovrà anche contribuire economicamente all’organizzazione dell’evento e all’allestimento di tutte le suddette clausole.

Dovrà garantire la sicurezza in loco, la pulizia e la disponibilità da parte dell’intera cittadinanza per la riuscita dell’evento.

Le date dell’Eurovision Song Contest

Confermate anche le date durante le quali si svolgerà l’evento: 10, 12 e 14 Maggio.

Nel frattempo il comune di Torino, la RAI e l’EBU inizieranno seriamente a lavorare per organizzare l’evento nel migliore dei modi.

Un’edizione che dovrà rimanere nella storia e rendere fieri gli italiani anche in questo campo.

Good work e Bon travail… o semplicemente… buon lavoro!