Mia Dimšić

In Croazia una vittoria tutta Mia!

Era il nome di punta di Dora 2022 e non ha smentito le attese. Sarà Mia Dimšić con “Guilty Pleasure” a rappresentare la Croazia a Torino, dove si esibirà nella prima semifinale in programma martedì 10 maggio 2022.

Nata a Osijek nel 1992, laureata in Studi di traduzione, Mia è da sei anni una delle artiste croate più amate, i suoi numerosi singoli e i tre album pubblicati sino a ora sono sempre arrivati ai vertici delle classifiche radiofoniche e di vendita. Nel 2017 Život nije siv è stato l’album più venduto dell’anno in Croazia e nella sua carriera si è già aggiudicata cinque Porin, i prestigiosi premi nazionali della musica.

Considerata “una boccata di aria fresca” nella musica nazionale per il suo stile calmo e semplice, la visione positiva della vita che emerge dai suoi brani spesso accompagnati da lei stessa dalla sola chitarra, porterà a Torino tutta la sua spontaneità.

Dal nostro corrispondente Marco Mosca

DORA 2022

Per il quarto anno consecutivo HRT – la tv pubblica croata – ha scelto il Palazzo dello Sport Marino Cvetković di Abbazia (Opatija) come sede di Dora, la storica selezione nazionale per l’Eurovision nata nel 1993. Come nel 2021, un’edizione purtroppo priva di pubblico in sala a causa delle restrizioni legate alla pandemia di Covid-19.

14 le canzoni in gara, scelte tra le 184 pervenute alla commissione selezionatrice, con molti interpreti di primo piano e con l’obiettivo dichiarato di raggiungere una finale eurovisiva che manca ormai dal 2017.

Lo show si apre con Albina che ripropone “Tick-Tock”, con cui si è aggiudicata Dora 2021. A condurre la serata, il noto presentatore nonché commentatore storico dell’ESC Duško Ćurlić, la giovane attrice Elizabeta Brodić e la rappresentante eurovisiva del 2018 Franka Batelić, sempre più grande star della musica nazionale.

Gli artisti in gara

Mila Elegović – “Ljubav” (Amore)

Attrice di successo con la passione per il canto, presenta una quieta ballata praticamente in versione acustica scritta dal noto autore istriano Bruno Krajcar.

Mia Negovetić – “Forgive Me – Oprosti” (Perdonami – Mi dispiace)

Seconda nel 2020 e terza nel 2019, Mia ha solo 19 anni ma è una presenza consolidata nella scena musicale croata fin dal 2015 quando vinse lo show di RTL “Zvjezdice”. Il brano di quest’anno appare più incisivo dei precedenti portati a Dora: una emozionante ballata, in parte in inglese e in parte in croato, al termine della quale scoppia in lacrime.

Marko Bošnjak – “Moli za nas” (Prega per noi)

Nella sfida tra giovanissimi, il più accreditato per la vittoria. Marko ha appena compiuto 18 anni e, come Mia Negovetić, ha esordito nel 2015 in un concorso per piccoli talenti, il seguitissimo show serbo “Pinkove zvezdice”. Nato in Erzegovina, dovrebbe poter contare sul supporto dei tanti croato-bosniaci originari della regione. A Dora debutta con una potente canzone d’amore sospeso tra dolore e speranza che potrebbe far colpo anche sul pubblico eurovisivo.

Jessa – “My Next Mistake”

Dopo tre ballate, un uptempo in salsa british con l’accompagnamento di quattro ballerine. Di padre irlandese e madre di Zara, Jessica Atlić-McColgan in arte Jessa è un’altra rivelazione uscita da un talent, in questo caso in qualità di vincitrice di “Zvjezde” 2017.

Zdenka Kovačiček – “Stay on the Bright Side”

Qui entriamo nella storia del rock e del jazz, con la 78enne Zdenka Kovačiček che, dopo i fasti del passato, sta conoscendo una seconda giovinezza artistica. Con l’energia che da sempre la contraddistingue, ci fa fare un tuffo in pieno Motown Style con un brano soul luminoso come il suo titolo.

Tina Vukov – “Hideout”

Uno dei nomi più prominenti della serata, molto amata proprio grazie alle sue partecipazioni a Dora (“Tuga dolazi kasnije” del 2004, “Il treno per Genova” con cui giunse terza nel 2006 e che le valse il Porin per miglior artista femminile dell’anno, e “Tata” quarta nel 2007). Da allora la 33enne di Fiume si è cimentata con diversi stili musicali e nelle ultime settimane ha raggiunto i primi posti della Top Lista con l’album di cover Što me čini sretnom. A Dora torna dopo quindici anni con una ballata in inglese interpretata con la voce calda e avvolgente di sempre, accompagnata dal pianoforte.

Roko Vušković – “Malo kasnije” (Un po’ in ritardo)

Potrebbe essere una delle sorprese della serata. Cantautore dalla voce potente e matura, come generalmente ama il pubblico croato, si presenta a Dora per la prima volta, dopo alcuni singoli di buon successo pubblicati negli ultimi anni.

Bernarda – “Here for Love”

Terzo tentativo – dopo il sesto posto del 2019 e il settimo posto del 2021 – per Bernarda Brunović, cantante non vedente di origine croata ma nata e cresciuta in Svizzera. Quest’anno vira verso la dance con un brano vocalmente impegnativo.

Eric Vidović – “I Found You”

L’esordio a Dora 2021 con “Reci mi” era stato seguito dal primo album, I Am Eric, che aveva raccolto recensioni positive. Il 21enne di Koprivnica ci riprova ora in inglese, con un motivo moderno e radiofonico presentato insieme a un gruppo di ballerine.

ToMa – “In the Darkness”

Anche ToMa (nome d’arte di Tomislav Marić) torna a Dora a un anno dal debutto, quando era arrivato sesto con “Ocean of Love”. Originario dell’Erzegovina come Marko Bošnjak, come lui si cimenta in una ballata, molto diversa dal brano R&B presentato nel 2021.

Elis Lovrić – “No War”

L’istriana Elis Lovrić è una delle protagoniste della scena indipendente, con brani da lei composti ma che affondano nella tradizione musicale e linguistica della sua Albona (Labin). Già a Dora nel 2019 e nel 2020, Elis si presenta con un brano che appare molto attuale fin dal titolo, anche se ovviamente quando era stato scritto non era ancora iniziata la crisi russo-ucraina. Ma il suo è un messaggio universale molto forte contro tutte le guerre, cantato per metà in inglese e per metà nel dialetto ciacavo della sua cittadina.

Ella Orešković – “If You Walk Away”

Sono ben cinque i concorrenti che si ripropongono a distanza di un solo anno. Dopo Mia Negovetić, Bernarda, Eric  Vidović e ToMa è il turno di Ella Orešković. Nata in Canada, figlia dell’ex primo ministro Tihomir Orešković, come nel 2021 porta un uptempo in inglese.

Tia – “Voli me do neba” (Amami fino al cielo)

Quarta artista a “giocare alle porte di casa” dopo Mia Negovetić, Tina Vukov ed Elis Lovrić, la diciannovenne fiumana Tia Miljanović si è fatta conoscere l’anno scorso con il singolo “Ego”. A Dora presenta un pezzo ipnotico tra i più interessanti della serata, che potrebbe piacere ai più giovani.

Mia Dimšić – “Guilty Pleasure”

Ultima nel sorteggio, prima per notorietà. Dal debutto nel 2015, la 29enne di Osijek è diventata la “Mia” nazionale con tanti singoli di successo e due album al numero uno in classifica, Život nije siv del 2017 e Sretan put uscito a fine 2019. Mia resta fedele al suo soft country-pop anche in questo debutto a Dora, in cui però si cimenta con l’inglese mentre un ballerino compie acrobazie attorno a lei: scopriremo tra poco se il suo “piacere colpevole” sarà condiviso da pubblico e giurie.

Le votazioni

Parte il “tick-tock” per votare le canzoni da casa, nella speranza che il vincitore abbia maggior fortuna di Albina, nel 2021 undicesima nella sua semifinale a un soffio dalla qualificazione.

Come sempre, a stabilire il nome del vincitore è il sistema 50% giuria – 50% televoto, con la prima composta da esperti della Radiotelevisione croata, dell’Associazione degli autori e compositori, dell’Unione dell’Industria musicale croata di dieci sedi regionali:

  • Zagabria
  • Čakovec/Varaždin
  • Fiume
  • Pola
  • Osijek
  • Zara
  • Sebenico/Knin
  • Spalato
  • Dubrovnik
  • Vukovar

Dopo una bella riproposizione delle più celebri canzoni vincitrici di Dora da parte di Franka e Albina, è il momento dei risultati:

Sia per le giurie che per il televoto prevale Mia Dimšić che vince Dora 2022 davanti a Marko Bošnjak e a Mia Negovetić. Sarà lei a volare a Torino con la sua “Guilty Pleasure”!