L’importanza di cantare nella propria lingua

Dal 1999 ogni paese è libero di cantare nella lingua che più gli si confà; ma ultimamente sta sempre prendendo più piede l’importanza di cantare nella propria lingua.

Non siamo noi puristi delle lingue nazionali a dirlo ma sono i fatti, anzi, più precisamente i dati.

Analizzando i dati del televoto già dallo scorso anno si nota un’inversione di tendenza: il pubblico preferisce le canzoni in lingua nazionale.

Evidentemente l’ascoltare canzoni in lingue diverse dal solito inglese affascina particolarmente la maggioranza dell’audience europea.

E come dice il nostro commentatore preferito per eccellenza Cristiano Malgioglio, un cantante che si esibisce nella propria lingua riesce a trasmettere più emozioni perché è più coinvolto da quello che sta cantando.

Ma andiamo nello specifico analizzando la top 10 del televoto dell’Eurovision 2021:

  1. Italia: Zitti e buoni – Måneskin (italiano)
  2. Ucraina: SHUM – Go_A (ucraino)
  3. Francia: Voilà – Barbara Pravi (francese)
  4. Finlandia: Dark side – Blind Channel (inglese)
  5. Islanda: 10 years – Daði (inglese)
  6. Svizzera: Tout l’univers – Gjon’s Tears (francese)
  7. Lituania: Discoteque – THE ROOP (inglese)
  8. Russia: RUSSIAN WOMEN – Manizha (russo/inglese)
  9. Serbia: LOCO LOCO – Hurricane
  10. Grecia: Last dance – Stefania (inglese)

Come si può ben vedere la top 3 è interamente occupata da canzoni in lingua originale.

A seguire ne troviamo altre 3 per un totale di 6 brani su 10: un ottimo risultato!

Discorso analogo anche per il 2022 dove ben 5 canzoni in lingua nazionale conquistano la top 10 del televoto:

  1. Ucraina: Stefania – Kalush Orchestra (ucraino)
  2. Moldavia: Trenulețul – Zdob şi Zdub & Advahov Brothers (romeno)
  3. Spagna: SloMo – Chanel (spagnolo)
  4. Serbia: In corpore sano – KONSTRAKTA (serbo)
  5. Regno Unito: SPACE MAN – Sam Ryder (inglese)
  6. Svezia: Hold me closer – Cornelia Jakobs (inglese)
  7. Norvegia: Give that wolf a banana – Subwoolfer (inglese)
  8. Italia: Brividi – Mahmood & BLANCO (italiano)
  9. Polonia: River – Krystian Ochman (inglese)
  10. Estonia: Hope – STEFAN (inglese)

Spagna e Moldavia hanno inserito delle piccole parti in inglese mentre la Serbia conclude la canzone in latino.

Volendo essere pignoli potremmo anche dire che anche il Regno Unito ha cantato nella propria lingua ufficiale.

Da notare che fino al 15 posto si sono classificate anche altre 3 nazioni: Lituania (11°), Olanda (14°) e Portogallo (15°) in un mix di inglese e portoghese.

Per le giurie il discorso è diverso; i giurati devono tenere in considerazione alcuni aspetti tecnici e commerciali delle singole canzoni e di conseguenza il loro giudizio esula da quello del pubblico.

Chissà se per l’edizione 2023 ancora più nazioni opteranno per portare in gara canzoni cantate in una delle loro lingue nazionali?

Nel frattempo ecco la classifica delle canzoni in lingua nazionale più stremmate su Spotify:

  1. Italia 2021: Zitti e buoni – Måneskin (italiano) 336,2 milioni
  2. Italia 2019: Soldi – Mahmood (italiano) 207,5 milioni
  3. Italia 2022: Brividi – Mahmood & BLANCO (italiano) 110,1 milioni
  4. Ucraina 2021: SHUM – Go_A (ucraino) 78,7 milioni
  5. Spagna 2022: SloMo – Chanel (spagnolo) 57,9 milioni
  6. Spagna 1991: Bailar pegados – Sergio Dalma (spagnolo) 57,7 milioni
  7. Francia 2021: Voilà – Barbara Pravi (francese) 55,6 milioni
  8. Italia 2020: Fai rumore – Diodato (italiano) 53,0 milioni
  9. Italia 2017: Occidentali’s karma – Francesco Gabbani (italiano) 42,9 milioni
  10. Spagna 1973: Eres tú – Mocedades (italiano) 41,3 milioni

Da notare che all’undicesimo posto troviamo “Nel blu, dipinto di blu” di Domenico Modugno con 40,3 milioni di streams in gara per l’Italia all’Eurovision 1958.