Raphael Gualazzi, un ritorno con il bottoTIM Music Awards 2022: premiati molti artisti che hanno rappresentato l’Italia all’Eurovision

Nel corso dei recenti TIM Music Awards 2022 sono stati premiati molti artisti che hanno rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest dal nostro ritorno nel 2011.

Durante le due serate trasmesse da RAI 1 sono stati premiati gli album che hanno raggiunto la certificazione FIMI/GFK oro, platino e multiplatino tra il 1° settembre 2021 e il 31 agosto 2022 e i singoli multiplatino usciti nello stesso periodo.

Ma chi realmente dei nostri magnifici 13 rappresentanti ha ancora successo e di chi invece se ne sono perse le tracce?

Ovviamente iniziamo subito con l’eroe che ha riportato i colori della bandiera italiana in gara all’Eurovision Song Contest 2011 Raphael Gualazzi.

Grande Raphael!

Raphael nasce a Urbino l’11 Novembre 1981 ed è figlio di Velio Gualazzi, uno dei fondatori con Ivan Graziani degli Anonima Sound, una band nata negli anni 60.

Studia pianoforte al conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro e si specializza in jazz, blues e fusion.

Nel 2005 pubblica il suo primo album dal titolo “Love outside the window” e partecipa a vari festival jazz come il Fano Jazz, il Trasimeno Blues, il Java Festival e l’Argo Jazz.

La svolta arriva nel 2009 con Caterina Caselli e un nuovo contratto discografico con la Sugar Music.

Nel 2010 Raphael si esibisce in alcuni famosi eventi come l’Heineken Jammin’ Festival e il Giffoni Film Festival passando per il Blue Note di Milano.

Nello stesso anno pubblica l’EP dal titolo “Raphael Gualazzi” che raggiunge il primo posto nella classifica di iTunes mentre il brano “Reality and fantasy”, nella versione remixata da Gilles Peterson, viene inserito in alcune compilation ai vertici delle classifiche di vendita mondiali.

Raggiunge un discreto successo in Francia e si esibisce al Sun Side Club di Parigi, uno dei templi della musica jazz.

Sanremo e l’Eurovision

Nel 2011 arriva la sua grande occasione grazie alla vittoria del Festival di Sanremo nella categoria Giovani con “Follia d’amore”.

Viene insignito del titolo di rappresentante italiano all’Eurovision Song Contest direttamente sul palco del teatro Ariston da Gianni Morandi e pubblica l’album dal titolo “Reality and fantasy”.

Raphael Gualazzi sul palco dell’Eurovision Song Contest 2011

Con una versione bilingue in italiano e in inglese, Raphael arriva sul palco di Düsseldorf in punta di piedi.

Grazie ad un’esibizione perfetta ed alla sua enorme bravura, la contribuzione italiana vince il voto delle giurie e si classifica ad un complessivo secondo posto.

Un successo inaspettato ma che porta Raphael e il suo album ai primi posti delle classifiche jazz di tutta Europa.

I maligni dicono che il secondo posto di “Follia d’amore” sia stato dato all’Italia come “Premio di bentornato” ma la qualità della proposta italiana e la bravura di Raphael non  possono non essere state premiate dalle giurie di qualità europee.

Da quel momento Raphael inizia una lunga tournée per tutto il vecchio continente.

E di tournée ne ha fatte davvero tante, al momento l’artista è ancora impegnato a girare tutta l’Italia con il suo “Bar del Sole tour” che lo vedrà impegnato con alcune date anche nel il 2023.

Le prossime date confermate sono:

  • 9 Ottobre – Teatro CRT di Milano
  • 13 Ottobre – Teatro Duse di Bologna

Non solo, Raphael ha anche pubblicato un nuovo album lo scorso Giugno dal titolo “Bar del Sole” dove collabora con Margherita Vicario, i Funk Off, il Trio Bobo, Filippo Graziani e Filippo Tini.

“Bar del Sole”è un disco di rivisitazioni di successi e non del passato.

Gualazzi ha dichiarato: “Bar Del Sole è un omaggio al Caffè del Sole di Urbino, in cui ho cominciato ad esibirmi in pubblico tanti anni fa.

É un luogo del mio cuore, ma anche un luogo dell’anima per chi vuole perdersi e ritrovarsi. Dopo il difficile periodo che abbiamo vissuto, è simbolo di condivisione e di inclusione”.

La discografia

La discografia comprende gli album e gli EP con l’aggiunta dei singoli incisi ma non contenuti in alcuna raccolta.

  • 2005 – Love outside the window (album)
  • 2010 – Raphael Gualazzi (EP)
  • 2011 – Reality and fantasy (album)
  • 2011 – Reality and fantasy Special Edition (album)
  • 2013 – Happy mistake (album)
  • 2013 – Happy mistake International Deluxe Edition (album)
  • 2013 – Rainbows (EP)
  • 2014 – Accidentally on purpose (EP)
  • 2016 – Love life peace (album)
  • 2020 – Ho un piano (album)
  • 2022 – Bar del Sole (album)

Certificazioni e dintorni

La discografia di Raphael certamente non brilla di certificazione ma il genere che contraddistingue l’artista non è certo dei più facili:

Album:

  • Reality and fantasy (2011) – disco di platino
  • Happy mistake (2013) – disco d’oro
  • Love life peace (2016) – disco d’oro

Singoli:

  • Follia d’amore (2011) – disco d’oro
  • L’Estate di John Wayne (2016) – disco di platino

Per quanto riguarda gli ascolti su Spotify Italia, questa è la situazione dei brani più streammati:

  • Reality and fantasy (Gilles Peterson Remix) 7,5 milioni
  • L’Estate di John Wayne 7,4 milioni
  • Reality and fantasy (Radio edit) 5,3 milioni
  • Carioca 4,0 milioni
  • Follia d’amore (Madness of love) 2,9 milioni
  • The bare necessities 1,9 milioni
  • La splendente Tomatoa 1,9 milioni

Partecipazioni al Festival di Sanremo:

Per quanto riguarda le partecipazioni al Festival di Sanremo:

  • 2011: “Follia d’amore” (Sanremo Giovani) 1°
  • 2013: “Senza ritegno” e “Sai (ci basta un sogno)” 5°
  • 2014: “Tanto ci sei” e “Liberi o no” 2°
  • 2020: “Carioca” 11°